Tragedia questa mattina in un odei crateri della Solfatara di Pozzuoli.  Una famiglia composta da padre di 45 anni, mamma di 42 e un piccolo di 11, turisti veneti di oringini piemontesi, è stata uccisa probabilmente dalle esalazioni di un cratere vulcanico nel quale, accidentalmente, il bimbo si era calato per la curiosità.

Salvo un altro bambino di 7 anni che però ha visto morire davanti ai suo occhi tutti i suoi familiari.

In una prima ricostruzione,  si era supposto che i tre turisti passeggiavano nell'area quando ad uncerto punto uno smottamento del terreno, causato dalle forti piogge dei giorni scorsi, ne ha provocato la caduta nel burrone. Succiessivamente, grazie anche alle testimonianze di persone presenti sul posto, si è capito che il bimbo piu grande si era avventurato oltre le barriere ed era caduta in una zona del cratere composta da sabbie mobili molto calde, i genitori nel tentativo di salvarlo, sono stati entrambi risucchiati dalle sabbie ad alte temperature.

Tutta la scena si è consumata davanti agli occhi del piu piccolo della famiglia, il quale in preda allo shock, è stato poi accompagnato nel bar del sito naturalistico.