Le criticità del trasporto pubblico nel polo turistico che va da Pompei alla penisola sorrentina e i possibili interventi per alleviare le conseguenze dell'emergenza Covid sui flussi turistici.

Sono i temi al centro di un incontro svoltosi nella sede di Confcommercio Campania di Napoli, tra il presidente dell'Eav Umberto De Gregorio, il presidente dell'ente parco Monti Lattari Tristano Dello Ioio ed i rappresentanti del coordinamento Confcommercio Pompei - Penisola Sorrentina, che riunisce le Confcommercio di Pompei, Castellammare, Vico Equense, Piano di Sorrento, Sorrento, Massa Lubrense, ed il sindacato balneari della provincia di Napoli.

La riunione è stata aperta dall'intervento di Tristano Dello Ioio, il quale ha sottolineato importanza di concepire le aree di Pompei e della penisola ''come un distretto turistico unitario con una programmazione comune''.

Tutti i presidenti delle Confcommercio locali hanno sottolineato la gravità del problema sicurezza ed ordine pubblico sulla Circumvesuviana, a causa della carenza di controlli sui treni e nelle stazioni, ed hanno invocato una maggiore vigilanza per evitare il rischio di assembramenti e l'afflusso disordinato di persone senza biglietto e malintenzionati che scoraggiano l'uso della ferrovia da parte dei turisti.

De Gregorio ha invece illustrato con franchezza la situazione di grande difficoltà nella quale è costretta ad operare l'Eav a causa della ''carenza di risorse finanziarie e del venir meno dei contributi statali, cui si aggiungono i costi aggiuntivi per la sanificazione dei treni ed il crollo delle entrate dovuto all'emergenza Covid''.

De Gregorio ha comunque assicurato che, pur nella situazione attuale di carenza di risorse, l'Eav sta investendo in attrezzature ed assunzioni di personale, finalizzati ad incrementare il servizio.

la situazione