Quasi certamente Turris – Nardò si giocherà lontano da Torre del Greco. L’indisponibilità del Liguori è da imputarsi ad un intoppo di natura burocratica, che si è tradotto nel mancato rilascio di una certificazione che attiene all’ordine pubblico. La società corallina, attraverso il presidente Giugliano, fa sapere d’aver provveduto in tempo utile ad ottemperare all’onere di inoltrare la dovuta certificazione all’ufficio comunale preposto, il SUEP, sia in data 10.09.20158, mediante posta elettronica ordinaria, che in data 29.09.2015, mediante posta elettronica certificata. Un adempimento che sarebbe risultato incompleto, o comunque irregolare, tanto da determinare poi la segnalazione alla Questura e dunque il verbale notificato in mattinata. Una sanzione, quest’ultima, dovuta all’utilizzo del Liguori nelle gare interne finora disputate, in assenza della prescritta certificazione. “Anche il Portici e la Boys Caivanese – fa sapere Giuseppe Giugliano – saranno costrette a pagare una sanzione che ha dell’assurdo. La Turris ha fatto quanto le competeva per ottenere la regolare disponibilità del Liguori, trovo inaccettabile che si sia data una situazione del genere. Provo una rabbia incredibile alla sola idea di dover pagare per qualcosa che non mi è assolutamente imputabile. Quei soldi avrei preferito stanziarli per un premio alla squadra. Quando si potrà tornare al Liguori? Non dipende certo dalla Turris”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"