Stretta sui controlli delle immagini di videosorveglianza e al racconto fornito dal poliziotto che ha sparato.

Continuano serrate le indagini per stabilire con esattezza la dinamica dell’omicidio di Luigi Caiafa, il 17enne ucciso mentre - secondo la ricostruzione della Polizia - tentava di rapinare con un complice, poi arrestato, tre ragazzi fermi in auto a Napoli.

L'informativa della Scientifica e l'esame di eventuali immagini di videosorveglianza in zona potrebbero dare un contributo importante alle indagini oltre naturalmente al racconto del poliziotto che ha sparato e degli altri della pattuglia. Fondamentale anche l'esito dell'autopsia che sarà disposta dal pm.

Nel frattempo in città e sui social si registrano reazioni di segno opposto tra chi sostiene naturalmente che nessuno debba essere ucciso anche se sta compiendo una azione delittuosa e chi invece, pur esprimendo dolore per quanto accaduto, ricorda che "chi fa certe cose se la va a cercare". Resta la tragedia della vita stroncata del 17enne che più volte aveva manifestato il desiderio di andar via dalla città per cercare fortuna.

Il video

Il ricordo dei Salesiani

i sindacati

i genitori

Il commento

Il ricordo

la rapina