Non la digerisce quella sedia simbolo della tracotanza, posta su un suolo pubblico per impedire a chiunque di usarlo come parcheggio: Maria Adriana Cerrato, la figlia dell'uomo ucciso con una coltellata al petto lunedì sera a Torre Annunziata, proprio per quel parcheggio, lo ribadisce con forza durante una conferenza stampa davanti alla sede della Procura.

"Non l'accettavo - afferma rispondendo a una domanda dei cronisti - a voi sembra giusto occupare un posto in modo illegale? Ho reagito? L'avrebbe fatto anche mio padre, lui questa cosa me la faceva sempre notare". Per quell'omicidio, la scorsa notte, sono state fermate dai carabinieri quattro persone.

"Non l'ho accettata, - sottolinea - e non l'accettate nemmeno voi. Non buttiamo più una carta per terra solo perché il cestino è lontano. Pensate e reagite, altrimenti il cambiamento non ci sarà mai. Avete paura? Si supera. Io di paura non ne ho più''.

vai alle foto

I ruoli

La proposta

Il commento della Procura

L'evento

Le parole del sindaco

Lo sfogo della moglie

Il caso

Lo sfogo

Gli arresti