Ha rubato soldi e cellulare da una scuola, sfruttando l’aiuto di un parente minorenne.

E’ accaduto in costiera sorrentina, precisamente a Piano di Sorrento, dove i carabinieri hanno arrestato un 50enne perché gravemente indiziato del reato di furto aggravato commesso in una scuola.

Tutto è accaduto il 28 ottobre scorso quando il dirigente scolastico di una scuola di Piano ha denunciato ai carabinieri il furto di 250 euro e di un cellulare dai locali della segreteria didattica. Per entrare nell’edificio, il ladro ha dovuto sfondare la porta d’ingresso e una vetrina interna. Per farlo si è anche infortunato.

Proprio dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza, l’uomo è stato riconosciuto perché claudicante. A seguito di perquisizione domiciliare sono stati trovati, inoltre, gli stessi indumenti usati il giorno del furto.

L’uomo si è avvalso dell’aiuto di un familiare minorenne, che aveva il compito di fare da “palo” all’esterno della scuola: doveva controllare l’eventuale arrivo di forze dell’Ordine.

L’uomo ora è agli arresti domiciliari.