“Bene la decisione del governatore Vincenzo De Luca di dare priorità alle vaccinazioni per il comparto turistico, ma oltre all’isola di Capri non vanno dimenticate altre realtà turistiche della nostra regione, come Ercolano che grazie all’indotto turistico era riuscita a mettersi alle spalle un passato fatto di disagio e criminalità, ma penso anche a Pompei, alla Penisola Sorrentina e alla Costiera Amalfitana, al Cilento, tanto per fare qualche esempio”.

Lo ha detto il sindaco di Ercolano e vicepresidente nazionale Anci Ciro Buonajuto in merito alla campagna vaccinale contro il coronavirus sull’isola di Capri. Sull’apposita piattaforma della Regione Campania tutti gli abitanti dell’isola di età superiore ai 16 anni possono aderire volontariamente alla campagna, facendosi vaccinare contro il Coronavirus.

Per il sindaco Buonajuto “una vera ripartenza del turismo deve anche considerare il comparto logistico. Le zone turistiche si raggiungono in treno, con mezzi pubblici e taxi, non solo con auto private. Quindi quello che mi auguro, continuo a sostenerlo, è una accelerata vera sulla campagna vaccinale. Come Campania stiamo facendo la nostra parte, anche se servono più vaccini e mi auguro che il cambio di passo con l’avvento del Generale Figliuolo possa sortire i suoi effetti nel più breve tempo possibile”.

la polemica