Riunione operativa questa mattina a Palazzo De Fusco. Sul tavolo la questione relativa all'erosione delle sponde del fiume Sarno e il conseguente deterioramento strutturale delle sedi stradali di via Ripuaria che mette a repentaglio la stabilità dell’arteria che collega i comuni dell’agro nocerino-sarnese a quelli costieri, quali Castellammare e Torre Annunziata.

Una riunione, quella di stamattina, che fa seguito ad altri incontri a cui la Regione Campania continua a non prendere parte. Presenti, invece, i comuni di Castellamare di Stabia e Scafati, il Consorzio di Bonifica, il Genio Civile e il presidente del Parco Fiume Sarno. Lunga e articolata la discussione, iniziata con la relazione dell’assessore Forgione in cui sono stati puntualizzati tutti i sopralluoghi effettuati e le criticità riscontrate: forte erosione con conseguente creazione di vuoti al disotto delle sedi stradali, depositi di detriti, assenza di manutenzione, collocazione sbagliata di alberi, rifiuti solidi urbani e tossici abbandonati, insieme a sfalci gettati nel fiume. Ad integrare l’incontro anche una relazione introduttiva offerta sia dal collegio degli avvocati nominato dal comune di Pompei che dai tecnici incaricati. Su tutti il geologo Rocco Lafratta che, in maniera puntuale, ha illustrato ai presenti le diverse criticità, l’erosione degli argini fluviali, la conseguente instabilità della strada e l’inadeguatezza delle alberature presenti, le cui radici contribuiscono a rendere instabile il manto stradale. Difficoltà che i vari attori coinvolti hanno avuto modo di appurare di persona grazie ad un sopralluogo effettuato sul posto e grazie al quale, l’amministrazione comunale di Pompei è riuscita a strappare al Genio Civile la promessa di alcuni interventi di somma urgenza. Interventi che verranno definiti nel dettaglio domani mattina, quando il tavolo tecnico tornerà a riunirsi stilando una sorta di crono programma con le opere puntuali di somma urgenza.

“Apprezziamo l’assunzione di responsabilità da parte del genio Civile di Salerno – afferma il sindaco Nando Uliano – continuo, però, a non comprendere l’atteggiamento della Regione Campania che ancora una volta lascia cadere nel vuoto gli appelli che gli abbiamo lanciato affinché intervenga prima che si verifichi una sciagura. Non abbiamo alcuna intenzione di assistere all'ennesimo dramma annunciato, a una tragedia che si poteva prevedere. Ho il dovere di tutelare l’incolumità dei miei concittadini. So di poter contare sull'appoggio dei comuni vicini, Castellammare di Stabia e Scafati, coinvolti in egual modo nell'affrontare le nostre stesse problematiche. Valuteremo tutte le soluzioni possibili senza sottrarci a nessuna scelta".


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

UTC: Chiudere via Ripuaria

Il rapporto dei Vigili del Fuoco

Ordinata la chiusura di via Ripuaria

La Forgione scrive alla Procura della Repubblica

Emergenza Ponte via Ripuaria

Il Comandante Petrocelli sul 'senso unico a via Ripuaria'

La denuncia del Sindaco Uliano

L'allarme del Professor Lafratta

Via Ripuaria sprofonda