Giornata molto intensa per gli uomini della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia e degli Uffici dipendenti dislocati lungo tutta la Penisola Sorrentina. In poche ore diversi sono stati gli interventi posti in essere per la sicurezza della vita umana in mare e a garanzia dell’incolumità di bagnanti che non rispettano le regole.

Il personale della Delegazione di Spiaggia di Vico Equense, con il supporto via mare della Motovedetta della Guardia Costiera di Sorrento CP 542 in zona per successiva attività di pattugliamento nell` Area Marina Protetta di Punta Campanella, è intervenuto presso la spiaggia libera che si trova proprio sotto la Cattedrale della città vicana per far sgomberare la moltitudine di bagnanti che ivi stazionava, a causa del pericolo di caduta massi che vige a seguito di una precida ordinanza del Comune di Vico Equense.

Giunti sul posto i militari hanno costatato che tranquillamente, un elevato numero di bagnanti, giunti sulla spiaggia con canoe e kayak, violavano l`ordinanza vigente, noncuranti del divieto esistente (opportunamente segnalato dal Comune con opportuna cartellonistica) ma soprattutto del pericolo di caduta massi, mettendo a rischio la propria incolumità`. I militari della Capitaneria di porto hanno provveduto a far sgomberare i bagnanti, identificandoli e verbalizzandoli per inosservanza dell`ordinanza di interdizione dell`area demaniale marittima per pericolo caduta massi, ponendo sotto sequestro n.6 (sei) canoe. N

el frattempo, la Motovedetta CP 542 provvedeva a far spostare la moltitudine di natanti ormeggiati sotto costa, provvedendo opportunamente a verbalizzare, per violazione dell`Ordinanza di Sicurezza Balneare della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, i trasgressori. Tali tipi di controlli continueranno anche nei prossimi giorni a tutela della incolumità di persone e cose , laddove esistono dispositivi ordinativi delle Autorità competenti che vietano la fruizione di pubblico demanio marittimo per i pericoli sopra segnalati.