“A nuoto nei mari del Globo”, il ‘tour’ di Salvatore Cimmino “per un mondo senza barriere architettoniche”, farà tappa a Torre Annunziata. Il prossimo 26 settembre infatti il 51enne atleta oplontino, colpito a 15 anni da un osteosarcoma e costretto ad amputarsi una gamba, percorrerà 15 km di costa (circa tre ore di traversata) da Vico Equense fino alla sua città. Cimmino, intorno alle 11, arriverà così allo storico Lido Azzurro e sempre con un solo obiettivo: “Continuare la mia campagna, evitando che i disabili siano emarginati”.

E’ lo stesso Cimmino (in foto in visita oggi a Palazzo Criscuolo) a svelare la sua prossima sfida in ‘Commissione Sport’: “Ho raccolto con entusiasmo l’invito della Commissione che, col patrocinio del Comune di Torre Annunziata, ha organizzato una due giorni davvero significativa. Spero che la mia traversata sia seguita da un cordone di natanti e si raccolgano fondi a sostegno del mio progetto”. Chiunque, infatti, può versare da subito un contributo collegandosi al link http://buonacausa.org/cause/a-nuoto-nei-mari-del-globo e seguendo le relative istruzioni.

“Il 25 settembre invece – spiega il consigliere comunale Marcello Vitielloal Liceo Pitagora alle dieci e trenta ci sarà un convegno sul tema della disabilità. Il nostro obiettivo è accendere i riflettori sui disagi quotidiani che, purtroppo, molte persone anche a Torre sono costrette ad affrontare”.

Previsti al convegno gli interventi sul tema del sindaco di Torre Annunziata, Giosuè Starita, e dei docenti della Scuola Superiore “S. Anna” di Pisa, Istituto di Biorobotica famoso in tutto il mondo per ricerche innovative sulle protesi agli arti.