Hanno violato i sigilli a un opificio sotto sequestro. Denunciati titolare dell’azienda e gli operai trovai all’interno. E’ accaduto a San Giuseppe Vesuviano dove i carabinieri di Torre Annunziata hanno scoperto un’azienda tessile sotto sequestro ma ancora attiva.

Il titolare, un 63enne già noto alle forze dell’Ordine, è stato denunciato per violazione di sigilli e smaltimento illecito di rifiuti. I militari dell’Arma hanno accertato che l’uomo aveva riattivato illecitamente l’opificio. I Carabinieri hanno trovato all’interno del locale 4 operai, sono stati anche loro denunciati per violazione di sigilli. Riscontrato anche l’illecito smaltimento dei rifiuti della produzione. Intere balle di tessuti destinati al macero erano stati accatastati in locali e sottoscale, con gravi rischi anche per la salute degli stessi lavoratori.

Sempre a San Giuseppe Vesuviano, nel corso dei diversi posti di controllo posizionati ai confini con altri comuni, è stato individuato un 24enne in possesso di un costoso smartphone. Dagli accertamenti svolti dai Carabinieri il telefono è risultato rubato due giorni prima presso la Stazione Carabinieri di San Giuseppe Vesuviano. L’uomo è stato denunciato per ricettazione.

Nel corso del servizio sono state controllate 135 persone e 46 veicoli. Nell’ambito delle verifiche circa il rispetto del Codice della Strada sono state 7 le contravvenzioni contestate. Mancato uso delle cinture di sicurezza, guida con telefono e mancanza di copertura assicurativa le violazioni riscontrate.

Specifica attenzione è stata rivolta anche alla verifica del rispetto delle attuali norme anti-Covid, con 15 sanzioni elevate a carico di altrettante persone controllate. Erano al di fuori del proprio comune di residenza senza comprovati motivi di necessità, lavoro o salute.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"