Violentarono una giovane donna con la "droga dello stupro": arrestate due persone a Sorrento. Si tratta di P.M. di 56 anni e di E.C. di 23 anni, ritenute responsabili di violenza sessuale di gruppo e cessione di sostanze stupefacenti.

La vittima è una giovane donna: in un noto ristorante del centro di Sorrento è stata adescata e poi indotta ad avere rapporti sessuali inconsapevoli con l’uomo.

Le indagini, coordinate dalla procura della Repubblica di Torre annunziata, in collaborazione con la sezione anticrimine sorrentina, ha permesso di risalire alle modalità dello stupro. Attraverso specifiche analisi di laboratorio effettuati sui capelli della vittima, è stato permesso stabilire che alla vittima fu somministrata cocaine e successivamente il Ghb, la cosiddetta “droga della stupro”, prima della violenza sessuale.

Accertata anche la cessione sistematica di cocaina da parte dell'uomo in favore di amici e conoscenti frequentatori del suo ristorante, teatro della violenza sessuale. Entrambi gli arrestati sono stati portati in carcere, a Poggioreale e Pozzuoli. Entro cinque giorni, così come prevede la legge, ci sarà l’interrogatorio di garanzia.