Sono state chiuse le indagini sulle violenze commesse da agenti della penitenziaria ai danni di detenuti, il 6 aprile del 2020, nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Lo rende noto la stessa Procura sammaritana diretta da Maria Antonietta Troncone, che ha depositato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari a carico di 120 persone, tra poliziotti della Penitenziaria e funzionari del Dap accusati a vario titolo dei reati di tortura, lesioni, abuso d'autorità, falso in atto pubblico, e cooperazione nell'omicidio colposo di un detenuto algerino