Cinquanta persone tra turisti e appassionati che, sabato 19 settembre, si sono ritrovati all'interno del Parco sul mare di Villa Favorita ad Ercolano per una visita teatralizzata compiuta con Giovanni D'Angelo e il suo staff. 

Il Parco sul mare di Villa Favorita, una meravigliosa struttura situata nel tratto di Corso Resina a Ercolano denominato Miglio d’Oro ha accolto le persone che si erano prenotate nell'ambito degli eventi organizzati da Federalberghi Costa del Vesuvio in collaborazione con Consorzio Costa del Vesuvio nell'ambito del Festival Ethnos per la regia di Gigi Di Luca. 
La villa e' una delle più sontuose ville vesuviane del XVIII secolo. Fu realizzata nel 1768 da Ferdinando Fuga e nel 1792 fu acquistata da Ferdinando IV di Borbone che la destinò a residenza reale.
Lo spettacolo narra le vicende di Ferdinando IV di Borbone e Maria Carolina d'Asburgo Lorena: i due formano la più chiacchierata e longeva coppia di sovrani che ha segnato nel bene e nel male le nostre Patrie Memorie. Questo irriverente intrattenimento ci presenta la storia del loro lignaggio, i fasti, le ignominie, i fatti e i "fatterelli" del loro regno, oltre che la storia vissuta e raccontata dalla voce del popolo. La visita guidata è stata svolta dal narratore Giovanni D’Angelo, anche regista e autore delle parti teatrali, eseguite dagli attori del Laboratorio Voci e Suoni della Memoria.
Al termine della visita un piccolo momento di rinfresco con una degustazione di prodotti tipici vesuviani ha fatto da cornice all'evento.

"Siamo fieri di aver portato in questi tre giorni di eventi, sul Vesuvio, all'Ipogeo e al parco sul mare di Villa Favorita, decine di turisti e di persone che hanno potuto apprezzare angoli nascosti e poco conosciuti della nostra meravigliosa tradizione. Solo un primo assaggio per chi, come noi, ritiene di poter fare del turismo la nostra vocazione" le parole di Adelaide Palomba, presidente di Federalberghi Costa del Vesuvio.

"Lo sforzo che gli imprenditori turistici stanno compiendo in questa fase è proprio quello di costruire, insieme alle amministrazioni locali che vorranno essere un punto di riferimento, un percorso e una serie di attrattori per rendere Costa del Vesuvio un punto fermo degli itinerari italiani, europei e mondiali. Abbiamo la consapevolezza che tutto ciò che stiamo realizzando sia un investimento prezioso per il futuro turistico di questo territorio" il commento di Angelo Pica, presidente del Consorzio Costa del Vesuvio.