Il Segretario nazionale del Partito Democratico Nicola Zingaretti a San Giorgio a Cremano benedice la ricandidatura del Sindaco uscente Giorgio Zinno.

Nella splendida cornice di Villa Tufarelli con la presenza numerosa di cittadini Zingaretti ha deciso di venire a dare il proprio sostegno a Giorgio Zinno in una campagna elettorale molto difficile, complessa e anomala.    

Presenti il deputato Piero De Luca, figlio del Governatore Vincenzo De Luca, Leo Annunziata segretario regionale del PD, Armida Filippelli vice segretario regionale del PD, e Marco Sarracino segretario    metropolitano del PD.

Tutti hanno manifestato sostegno a Giorgio Zinno per le prossime elezioni indicandolo più volte uno dei migliori amministratori giovani del PD che da oltre 5 anni regge le sorti alla guida della città e che si ricandida per continuare il lavoro svolto finora in maniera fattiva e come baluardo di legalità nel territorio portando avanti i valori importanti della solidarietà ma anche dello sviluppo del territorio.

“Le ragioni politiche che spingono a questa battaglia - ha spiegato Piero De Luca nel suo intervento - sono legate ai risultati raggiunti a San Giorgio e regione Campania attraverso la buona politica attraverso amministratori capaci competenti e responsabili e Giorgio Zinno è un modello di Sindaco e Amministratore in Italia e lo possiamo dire senza alcun timore di smentita”.

Emozionante e appassionato l’intervento del Segretario nazionale Zingaretti che ha volato alto sulle problematiche affrontate negli ultimi anni dal PD, e sulle prospettive future del partito, manifestando un grande orgoglio di appartenenza inculcando una nuova fiducia e lanciando un appello ai cittadini perché si riuniscano attorno ai candidati e al logo che li rappresenta.

Zingaretti ha esortato a combattere a testa alta e fare campagna elettorale guardando negli occhi le persone alimentati dalla voglia di tornare liberi e speranzosi e ha rivendicato con orgoglio la partecipazione al governo nazionale riconducendolo nei binari di un nuovo europeismo più vicino alla condizione umana delle persone.

“E’ la cattiva politica che uccide la speranza degli individui – ha dichiarato Zingaretti -. La posta in gioco non è il futuro di un uomo, il Sindaco, ma il combattere con passione perché in gioco c’è il destino delle famiglie delle donne dei giovani degli anziani e così sarà anche per Zinno la cui coalizione farà un salto in avanti che non sarà solo per lui ma per chi vive in questo territorio attraverso la qualità dei servizi dell’onestà delle persone che lo governano che permetterà a chi soffre o a chi vuole costruirsi una vita di non essere solo. Oggi è più possibile farlo di altri momenti della storia con una comunità che non vive di rabbia e rancore ma che costruisce che allarga la solidarietà dando così più opportunità per accendere i motori del nostro sistema paese”.