Ombre sul sorteggio dei netturbini, in consiglio comunale scoppia la “grana” Ambiente Reale. La ditta che gestisce la raccolta dei rifiuti a Boscoreale nuovamente al centro di una polemica.

Dopo la commissione d’inchiesta istituita per il mancato controllo sulle attività della società “in house”, la nuova protesta è rivolta verso le procedure di assunzione degli operatori ecologici. Alcuni cittadini sono entrati in aula consiliare per chiedere chiarimenti al sindaco della situazione legata all'assunzione di nuovo personale per Ambiente Reale.

Ad animi placati, all’unanimità i consiglieri hanno presentato una richiesta scritta al sindaco Antonio Diplomatico per proporre il sorteggio pubblico: “Sono state selezionate 10 persone senza sapere i criteri di scelta”. Questo è quello che lamentano in primis i consiglieri, oltre al fatto che la maggioranza delle nuove assunzioni riguarderebbero persone residenti fuori dal territorio di Boscoreale.

L’amministratore Unico di Ambiente Reale, Nunzio Ariano, qualche settimana fa aveva assegnato alla società “Powerjob” l’attività di ricerca di 10 operatori ecologici a tempo determinato per 6 mesi. “Chiediamo una maggiore trasparenza – si legge nel documento presentato da tutti i consiglieri comunali -. Inoltre, per scongiurare qualsiasi tipo di strumentalizzazione, proponiamo di valutare la selezione tramite il sorteggio pubblico alla presenza delle forze dell'Ordine, così da operare nella massima trasparenza possibile e di dare ampia comunicazione per consentire a tutti di partecipare”.