Non cambieranno le tariffe Tari a Boscoreale.

Lo ha deciso il consiglio comunale riunitosi questa mattina nell’aula di Piazza Pace. Una seduta iniziata con il caos relativo alla situazione di Ambiente Reale e poi continuata con la discussione dei punti all’ordine del giorno.

Per il quarto anno consecutivo le tariffe così non subiranno aumenti. “Un grande risultato nonostante gli aumenti dei costi di conferimento dei rifiuti – ha spiegato il sindaco Antonio Diplomatico -, reso possibile per gli effetti di maggiori accertamenti suppletivi per evasioni ed elusioni, che hanno determinato una riduzione generale media della tariffa pari a circa il 2,5 per cento”.

Boccata d’ossigeno anche per le utenze non domestiche, in particolare per quelle attività produttive che hanno sofferto per le chiusure causate dalla pandemia da Covid. “In applicazione del decreto sostegni bis – ha continuato il primo cittadino - sono state ripartite sulla tariffa le dovute riduzioni. Per quest’anno abbiamo previsto il versamento del tributo in sei rate mensili, anziché quattro bimestrali, con decorrenza dal 31 luglio e fino al 31 dicembre, per venire incontro alle esigenze dei cittadini senza ulteriori aggravi”.

Adeguato anche il regolamento Tari alla vigente normativa, prevedendo ulteriori riduzioni e agevolazioni sia per le utenze domestiche sia per quelle non domestiche. Il regolamento, in particolare, tiene conto della salvaguardia degli aspetti sociali e di quelli legati alle attività produttive che smaltiscono in proprio i rifiuti.

Il consiglio ha inoltre approvato il rendiconto della gestione esercizio 2020 e ha preso atto del piano economico finanziario rifiuti per l’anno 2020, già validato dall’Ente d’Ambito Rifiuti Na3.

la polemica