Con una passeggiata naturalistica nelle aree distrutte dalle fiamme e poi riforestate, volontari e comuni cittadini hanno ricordato i terribili incendi che nel luglio 2017 devastarono il Vesuvio.

Questa mattina circa un centinaio di volontari, impegnati nella tutela dell'ambiente, ha fatto tappa nei luoghi colpiti dalle fiamme e successivamente rinati grazie alla piantumazione di alberelli autoctoni: lecci, frassino, sughere, corbezzoli.

L'evento denominato 'Il Vesuvio non dimentica' organizzato dall'associazione Primaurora nata per proteggere, tutelare e valorizzare l'ambiente, il territorio e la natura, ha visto l'adesione di altre associazioni, di adulti e piccini che al termine della escursione hanno fatto volare al cielo aquiloni.

''Cinque anni fa il vento alzo' le fiamme in questi luoghi'' dice Silvano Somma, dottore forestale e presidente di Primaurora. ''Questa volta invece ha levato in alto gli aquiloni e l'amore per la nostra terra. Anche in questa edizione abbiamo voluto far memoria di quei terribili giorni e soprattutto delle azioni messe in campo per la rinascita del Vesuvio''.

Primaurora ha promosso il progetto 'Riforestiamo il Gigante' che, con il coinvolgimento di associazioni e scuole, fino ad oggi ha consentito la piantumazione di circa 2.500 alberi ed essenze arboree per dare nuova linfa alle aree distrutte dagli incendi.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"