“Movimenti sospetti nei pressi delle cisterne Isecold, vogliamo vederci chiaro”. E’ giallo a Torre Annunziata per quanto sta avvenendo nei pressi della zona portuale. Al momento l’area è interessata dalla bonifica della Salera.

Nella giornata di ieri sono cominciati anche i lavori di transennamento dell’area con striscioni e grate, per evitare l’ingresso da parte dei cittadini.

Successivamente Pina Valente, presidentessa del Comitato Salera, ha pubblicato una foto proprio di alcune operazioni che stanno avvenendo nei pressi delle cisterne Isecold. I lavori per l’installazione di altri due depositi di idrocarburi erano stati fermati. In uno degli ultimi consigli comunali, prima dello scioglimento, si era parlato dell’istanza presentata dalla società per annullare il decreto della Regione Campania e riottenere il permesso edilizio per l’ampliamento.

Così Pina Valente, accompagnata da Orfeo Mazzella, attivista del Movimento 5 Stelle, ha deciso di muoversi. Entrambi hanno portato avanti una battaglia e sono il punto di riferimento dei torresi sulla vicenda cisterne.

Prima di esprimere qualunque giudizio hanno voluto inviare una Pec al commissario prefettizio Enrico Caterino per avere maggiori chiarimenti. “Da qualche settimana sono stati notati dei movimenti nel cantiere aperto sull'area portuale di Torre Annunziata e precisamente nel perimetro  dove si vogliono installare ulteriori due cisterne di idrocarburi. E’ oramai evidente e soprattutto visibile il prosieguo dei lavori da parte della ditta. Si chiede così un incontro con il Commissario straordinario per avere delle spiegazioni al riguardo, inoltre si comunica tutto il nostro dissenso per quanto sta accadendo”.

Al momento non c’è stata alcuna risposta da parte dei commissari. E il giallo continua.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"