Relegato in cella in regime di carcere duro da circa vent’anni. Il suo potere, però, è rimasto intatto. Grazie all'aiuto della figlia e del genero, continuava a regnare su Torre Annunziata. Valentino Gionta appartiene alla dinastia dei boss “irriducibili” i quali, nonostante i duri colpi subiti per mano di carabinieri e polizia, sono sepolti vivi al 41-bis, senza l’ombra di pentimenti.

Ergastolano per omicidio, Gionta senior fu coinvolto nell’omicidio del giornalista Giancarlo Siani, che raccontava sulle pagine del Mattino quel territorio, ma il suo «silenzio-assenso» agli alleati Nuvoletta gli servì a evitare l’ergastolo: in Cassazione fu assolto per quel delitto.

Oggi il capoclan dei Gionta è stato raggiunto da una nuova ordinanza con cui viene smantellata un’altra ala di potere egemone su Torre Annunziata. Grazie all’aiuto della figlia Teresa e del genero Giuseppe Carpentieri, impartiva gli ordini per i sodali. E nonostante le imponenti operazioni antimafia, il suo regno era ancora vivo. Almeno fino a oggi, quando i militari dell’Arma hanno arrestato anche loro.

Giuseppe Carpentieri appartiene alla schiera dei “miracolati”. Ha scontato una condanna per omicidio, partecipando al delitto costato la vita ad Alfredo Nasti e Ciro Fraschetta, nel 1993, oltre a una condanna per associazione mafiosa legata all’inchiesta sul “Codice Gionta”, il sistema di messaggi cifrati dal carcere usato per impartire ordini agli affiliati. Un sistema evidentemente usato fino a oggi. Carpentieri è scampato per circostanze fortuite all’agguato del 6 maggio 2020. La città, la Campania e l’Italia erano in lockdown. E il genero del boss, uscito dal carcere solo due mesi prima, era sull’attico di casa sua intento a prendere un po’ di sole quando venne raggiunto da due colpi di pistola, all’addome e all’inguine, sparati da un palazzo delle vicinanze, lungo Corso Vittorio Emanuele III.

Moglie e familiari sfasciarono anche l’ospedale di Boscotrecase perché non aprii le porte all’uomo, portato d’urgenza con mezzi propri al pronto soccorso. Non sapevano che quell’ospedale era stato convertito a Covid Center. Venne curato al Maresca di Torre del Greco.

Chiuse le porte dell’ospedale, ora per lui e per la moglie, che secondo gli inquirenti raccoglieva direttamente le indicazioni fornite dal capoclan Valentino Gionta, si sono riaperte quelle del carcere.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai al video

Lo sfogo

Il particolare

il retroscena

le estorsioni

La crisi dei Gionta

l'arresto

I nomi

I dettagli

Il fatto

L'operazione