E’ stato il più votato nelle ultime amministrative a Torre Annunziata, ma ormai si può definire un consigliere “desaparecido”. Mauro Iovane sta dimostrando tutta la sua inconsistenza a livello politico.

Quattro anni fa si presentò alle urne a sostegno del sindaco Ascione, con la lista 3 C, e grazie anche all’aiuto della sua famiglia è diventato “Mister 800 voti”. Ma da quel momento si è distinto soltanto per il suo repentino passaggio alla Lega, pochi mesi dopo scatenando più di qualche imbarazzo all’interno della maggioranza.

Nel corso del tempo Iovane è salito in cattedra solo per il suo assenteismo. L’ultima  presenza a un consiglio comunale risale addirittura al 26 giugno 2019 quando uscì dall’aula poco prima di votare sul gemellaggio tra Torre Annunziata e Senegal. Da quel momento in poi l’ orma ex esponente del carroccio non si è più visto. Assente anche alle Commissioni, Iovane sta scaldando inutilmente un posto in Assise. Unico cameo, la sua candidatura alle Regionali con la Lega, dove ha sfiorato le 2mila preferenze (di cui 859 a Torre Annunziata).

Nonostante il suo essere un consigliere “fantasma”, potrebbe avere un ruolo determinante nel futuro dell’Amministrazione Ascione. Infatti Iovane potrebbe far pendere l’ago della bilancia, diventando suo malgrado protagonista delle sorti del futuro politico di Torre Annunziata.